CUS PALERMO

PALLANUOTO SERIE B: La Braciera Cus Palermo vuole ripartire, la carica di mister Occhione

La Braciera Cus Palermo non vede l’ora di tornare in acqua e proseguire un entusiasmante campinato nazionale di serie B di Pallanuoto. Alcuni Sport hanno deciso di chiudere anticipatamente la stagione, nel caso della Waterpolo i campionati nazionali, anche se il condizionale è d’obbligo, dovrebbero ripartire in estate. In quest’ottica ai microfoni Cuspalermo.it è intervenuto Giampiero Occhione, tecnico della prima squadra cussina, attualmente in testa al girone 4 di serie B.

UN RITORNO ALLE ORIGINI –Fino a 35-40 anni fa la Pallanuoto si giocava d’estate. Giocando in acqua è una delle discipline che possono essere praticate agevolmente anche ad alte temperature. L’unico vincolo è quello dell’obbligo di disputare i match in piscine all’aperto“.

UNA SOSTA DAI DUE VOLTI –La sosta penalizza il Cus Palermo, perchè d’inverno abbiamo svolto una preparazione mirata, dedita a una partenza sprint, cosa che abbiamo fatto vincendo sei gare su sei. Da un lato, quindi, siamo dispiaciuti per l’interruzione, che però era doverosa visto il momento molto delicato. Dal lato opposto c’è tantissima voglia di ripartire“.

TORNARE A VOLARE –Siamo un gruppo unito, dentro e fuori dalla vasca. Questo è fondamentale in qualsiasi sport di squadra. Con i ragazzi ci sentiamo ogni giorno e stiamo portando avanti un programma domestico d’allenamento per limitare al massimo il crollo del tono muscolare, non potendo nuotare. Atleticamente dovremo ripartire da principio, ma siamo carichi“.

         

UNGHERESE, MA PALERMITANO D’ADOZIONE –I ragazzi li sento vicini e uno ce l’ho anche a casa (ride, ndr). Erik Szabo, infatti, non è riuscito a prendere l’aereo per tornare in Ungheria e di conseguenza lo stiamo ospitando, non volevamo che restasse solo per oltre due mesi. Un ragazzo speciale, d’oro. Di grandissima educazione, rispettoso e di buona famiglia. Possiamo dire con certezza che se la stagione riprenderà Erik sarà con noi per tutto il campionato e PlayOff“.

TUTTI VORRANNO TORNARE A CORRERE –Alla ripartenza mi aspetto un campionato difficile per tutti, ma che ogni squadra non vedrà l’ora di giocare. Sarà così anche per noi, vogliamo proseguire lungo la strada intrapresa, anche perchè i ragazzi ci tengono, in primis per lo splendido gruppo che si è creato“.

CAMPIONATO E PLAYOFF –Ricordiamoci sempre che un piazzamento importante in regular season non vuol dire A2. Ci sono i Playoff, che sono un’avventura a parte. Prima le semifinali col girone C, poi le finali nazionali, che potrebbero disputarsi ad estate inoltrata“.

UN MESSAGGIO PER I RAGAZZI –Ai miei ragazzi dico che spero di poter tornare presto ad allenarci e scherzare tutti insieme. L’aspetto umano è fondamentale e sono fiero del gruppo che si è creato, nel pieno rispetto delle regole speriamo tutti di poter tornare a giocare“.

TORNA ALLA HOME Pallanuoto