CUS PALERMO

PALLANUOTO SERIE B: La Braciera Cus Palermo vola ai PlayOff A2, battuta la WP nel derby

Si chiude con una vittoria nel derby palermitano contro la Waterpolo la stagione regolare de La Braciera Cus Palermo. I ragazzi guidati da Giampiero Occhione si impongono per 10-6 e chiudono ufficialmente il girone 4 di serie B al terzo posto, frutto di 36 punti e col secondo miglior attacco (178 reti).
Partenza fulminea dei cussini, che giocano un’ottima gara in fase difensiva (benissimo Cartaino tra i pali) e si dimostrano in gran giornata in avanti: segnano in serie doppietta di Ercolani, Lisi con una bomba sotto l’incrocio, Mattarella e Bogni. Alla sirena del primo quarto il parziale è di 5-0 La Braciera. Da qui in pio la formazione di Occhione


sponsor articoli pallanuoto 2019

gestirà con più serenità ed inevitabilmente il match diventa più movimentato. La Mantia firma il 5-1, al quale segue la seconda rete di giornata di Lisi. Bellissimo pallonetto in solitaria di Ercolani per il 7-1, prima della doppietta di Raimondo ed il bis di Mattarella, per l’8-3 al giro di boa.
Nella terza frazione Calo, Ercolani e Giovinazzo portano il parziale sl 9-5, prima del quarto tempo, che senza grandi emozioni e con un’atmosfera da ultimo giorno di scuola, vede andare a segno Mattarella e Mineo, per il definitivo 10-6.
Per La Braciera adesso si apre la fase più calda ed emozionante della stagione: i PlayOff per andare in A2. Le prime quattro del girone 1 incontrano ad incrocio le prime quattro del girone 2 (nord e centro-nord). Stessa cosa avviene tra i club del girone 3 e 4 (centro-sud e sud). Essendosi piazzato al terzo posto, il Cus Palermo affronterà la seconda classificata del girone 3, ovvero la Zero9. Formazione che ha chiuso la stagione con 38 punti, il miglior attacco del campionato (156 reti) e con soli 87 gol subiti la seconda miglior difesa.
Come sempre vivremo insieme i PlayOff, con i nostri canali social e tutti gli articoli di cronaca e commento su Cuspalermo.it. Sarà un’avventura da vivere con voglia e determinazione, perchè la Finalissima dell’anno scorso contro il Cus Messina è nella mente di tutti i cussini e il sogno è quello di viverne un’altra, ma ovviamente con un epilogo dolcemente diverso.