Sabato, 11 Novembre 2017 19:09

FUTSAL SERIE C1 A: Vittoria Cus a Piazza Armerina, Termini un leone la chiude il 2002 Isgrò

Senza troppi giri di parole, sono queste le partite che ci fanno innamorare dello sport e del Futsal. Un mach pazzesco tra Gear e Cus Palermo, con i giallorossoneri capaci di dilagare, soffrire, rialzarsi e vivere una fantastica emozione (da non perdere scorrendo il testo) proprio allo scadere. I ragazzi di Toti La Bianca partono fortissimo, nel contesto di uno dei campi più difficili di tutta la C1. Cirrincione porta subito i cussini avanti, per la rete dell'1-0. I padroni di casa, però, reagiscono e trovano subito il gol dell'1-0. Chiaro segno che la partita vivrà di emozioni ed equilibrio sino alla fine. E' qui che sale in cattedra Termini, che con una prodezza riporta i suoi avanti, seguito subito da Nastro: è 3-1 Cus. La Gear è la grande sorpresa di questa stagione di C1 e il fattore casa si fa sentire, con Tamurella che firma la doppietta per il 2-3. E' il minuto 13, è già successo di tutto.
Al 23' 4-2 Cus con Comito, autore dell'ennesima prestazione di grande qualità e determinazione. A proposito di cuore e qualità, Termini va nuovamente in rete con un grande assolo e porta le squadre sul 5-2, la gara sembra essere definitivamente sulla via di Palermo.
Il Futsal, però, è sorprese, ribaltoni e continui colpi di scena. La Gear torna in campo con occhi diversi ed in 10 minuti ne fa due, per il 4-5 parziale. Attorno al campo la passione del tifo locale rende l'ambiente una vera bolgia. La giornata sembra prendere una piega storta per il Cus, quando la Gear trova il 5-5, gol che avrebbe tagliato le gambe a moltissime squadre, visto il precedente vantaggio di ben tre reti.
Mancano quattro minuti alla fine del match e dopo 10 gol, episodi a valanga ed il cuore che batte a mille, nessuno avrebbe potuto prevedere che le emozioni più forti dovevano ancora arrivare.
Da circa un quarto d'ora, infatti, complice anche la pesante assenza di Miranda, La Bianca decide di buttare nella mischia il figlio d'arte e classe 2002 Anthony Isgrò. Quindici anni, una personalità che spiazza tutti. Non solo tiene bene il campo, non solo gioca la palla con voglia e freddezza: ma è lui a deciderla. 5-5, forcing finale Gear, i cussini ripartono in velocità, azione sulla destra, palla veloce sul secondo palo proprio per Isgrò, che non calcia, ma salta il portiere che lo atterra e si procura il fallo che regala al Cus un rigore di platino. Dal dischetto Termini spara un siluro che fa impazzire compagni e panchina. La giornata del giovanissimo 2002 di La Bianca sarebbe già magica, invece diventa indimenticabile. Gear in pressione, azione che si sviluppa a centrocampo, proprio Isgrò sradica la sfera dai piedi dell'avversario e parte palla al piede. Ora, qualsiasi ragazzo della sua età, anche sazio di quanto già accaduto, si sarebbe accontentato di averla rubata all'avversario cedendola al sicuro al compagno più vicino, ma con una tranquillità eccezionale, il talentino palermitano punta il portiere, aspetta la sua uscita, prima di insaccare con un destro pulito e chirurgico.
Le sue lacrime di emozione valgono tutti gli sforzi che questa sezione compie ogni settimana puntando ormai da cinque anni sui giovani. E' una festa bellissima, perchè al gol arriva anche il triplice fischio. Chi avrebbe tesserato in prima squadra un quindicenne? Chi ci avrebbe creduto intuendo subito le sue doti innate? Chi avrebbe avuto il coraggio di metterlo dentro sul 5-5, sul campo della Gear, in Serie C1, a 15 minuti dalla fine?
Il Cus Palermo, ancora una volta il Cus Palermo.
Perchè questa non è una vittoria solo del campo, è la prova che se non credi nei giovani non hai futuro. Se non hai il coraggio di farli giocare anziché usarli solo per essere in regola con la distinta, non potranno mai emergere.
Per fortuna in Via Altofonte i giovani sono l'essenza stessa di tutto ciò che viene fatto.
Questi tre punti sono frutto di una grande prova corale, con qualche sofferenza di troppo, ma pochissime squadre verranno a vincere su questo campo. La classifica dice ancora che il Cus è lì, in alto, in piena zona PlayOff. Ci rubano il cuore questi ragazzi.

Ecco la classifica del girone A di C1:
http://www.cuspalermo.it/risultati/calcio-a-5.html

Letto 1617 volte Ultima modifica il Sabato, 11 Novembre 2017 19:36